+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

Suicide Club (Jisatsu Circle)

suicideclub.jpgSuicide Club” è un film ambizioso e irrisolto al tempo stesso.
Lo premetto subito.
Tuttavia, è possibile trarre conclusioni su un tema come il suicidio, specie quando si configura come suicidio di gruppo?
È notizia, ormai non più recente, della catena di suicidi che in Giappone venivano organizzati tra ragazzi, usando il web come mezzo di comunicazione, e una situazione simile è proprio alla base di questo film dall’atmosfera surreale e a tratti assolutamente folle.

Esordisce brutalmente, con 50 studentesse che tenendosi per mano si gettano sulle rotaie della metropolitana, venendo mutilate e schiacciate, tra imponenti schizzi di sangue che coprono letteralmente persone e schermo.
Sarà il primo di una lunga serie di suicidi su cui una polizia perplessa e ottusa indagherà inutilmente.
La trama diviene col proseguio del film sempre più contorta e complessa, e il finale si presta a diverse interpretazioni.
Quello che rende
coinvolgente questo film è l’abilità del regista di condurre il ritmo delle scene e dei dialoghi in modo tale da creare una tensione continua, spettacolarizzare i suicidi, far vibrare lo shock sulla tua pelle, a volte brutalizzando lo spettatore con particolari incredibilmente macabri (non so quanti risulteranno indifferenti all’inquadratura di un lembo di faccia con attaccato un orecchio di uno studente che si è buttato giù dal tetto della scuola).
L’uso degli obiettivi, le scelte di fotografia (a volte documentaristica, a volte calda e avvolgente) e le inquadrature sono tutti volte ad ottenere il massimo carico emozionale, anche se è evidente una vena grottesca e cinica che attraversa la pellicola ed evita di renderla fredda e stilizzata.
Lo si nota soprattutto pensando ai messaggi suicidi subliminali diffusi da una band di quattro insopportabili dodicenni che imperversano per il Giappone imitando le Spice Girls, ma dietro le quali si nasconde una setta, in parte guidata da bambini, che si occupa di reclutare nuovi membri per il Club del suicidio, o nella scena in cui viene introdotto il personaggio di Genesis.
Ovverossia la versione b
iondo-glam di Frank-N-Further.
Siede, come se fosse un trono, su una ghigliottina, posta in mezzo ad una stanza in cui piccoli cani e ragazzi sono avvolti in bianche lenzuola dentro le quali si agitano inutilmente.
E si diverte a schiacciare la testa, con le sue zeppe brillantate, ai cani che abbaiano troppo.
E mentre una delle ragazze intrappolate viene stuprata, e poi accoltellata, canta un inno alla morte, in un tripudio di gore, cattivo gusto e volontà di provocare fino in fondo.
Genesis si definisce il Charles Manson dell’informatica, forse c’è lui dietro al Suicide Club e all’organizzazione on-line dei suicidi, ma forse ha solo approfittato dalla vicenda per diventare famoso.
E’ questo il problema del film: accumulare sottotrame ed episodi, fino a perdere ogni logicità negli eventi.
Eppure i significati sono tanti, bisogna saper osservare i dettagli.
Il gap generazionale tra il poliziotto ed i suoi figli, per esempio, è tale che non comprendendo alcune loro abitudini non solo non saprà condurre l’indagine, ma non saprà neanche prevedere il suicidio del figlio, pur avendo avuto sotto gli occhi tutti i segnali che avrebbero dovuto fargli intuire la sua appartenza al club.
E in un gesto di estremo dolore, ma ammantato anche di humour nero, deciderà egli stesso di togliersi la vita, sconvolto dall’incapacità di comprendere questa follia suicida e che i giovani non sono il suo nemico.

Il tema della separazione tra adulti e ragazzi è evidente, così come quello di una solitudine individuale estrema che si risolve nel gruppo, anche se un gruppo suicida.
Addirittura i profeti-bambini d
el suicidio teorizzano l’inutilità della vita, di fronte all’eternità dei legami interpersonali e con la propria persona (il nostro piccolo amico).
E sono scene di estrema solitudine quella del suicidio della ragazza legata all’albero di natale con i fili delle lampadine o della ragazza seduta per terra in un angolo della cucina che aspetta che il forno sia sufficientemente caldo per infilarci la testa.
E la gioia negli occhi della casalinga-madre di famiglia che mentre prepara la cena si taglia pezzo dopo pezzo una mano, quasi fosse liberatorio, rispetto a una noia impalpabile e a una felicità apparente, automutilarsi in una maniera così orrenda e devastante?
Sono scene durante le quali i pro
tagonisti sono muti, ma quel silenzio è davvero significativo.
E se i temi non fossero sufficienti per appagarvi, il film regala diversi momenti di alto livello creativo, anche se spesso disturbanti.
Una delle scene più impressionanti, e più crudeli, è quella ambientata in un corridoio illuminato da luci rosso-arancione.
Alcuni ragazzi sono rivolti con la faccia ad una parete, numerosi pulcini camminano tra le loro gambe, mentre un uomo a torso nudo, con una maschera di cuoio, prepara una pialla su una trave di legno.
In seguito userà la stessa pialla per strappare strisce di pelle dalla schiena di ogni nuovo adepto, cucendole insieme in una sorta di cintura-registro degli iniziati.
Tutto è inquadrato in modo sghembo rendendo l’atmosfera, fintamente quieta, davvero ansiogena.

Il sottofinale ricorda stranamente quello dell’ultimo episodio (televisivo) di “Neon Genesis Evangelion“.
Una delle ragazze è al centro di un palco sotto il fuoco di domande esistenziali di un pubblico di bambini, che insistono sull’autoconoscenza e il (non) significato della vita.

E con estrema ironia, la sigla finale è affidata ad una canzone delle quattro bambine che invitano ad avere una vita felice; ma dopo tutto quello che abbiamo scoperto su di loro, quelle parole suoneranno agghiaccianti.

Parafrasando Genesis, ogni illusione è andata perduta fin da quando eravamo bambini.
Le conseguenze le avremo un giorno davanti ai nostri occhi sotto forma di gruppi di ragazzini che si schiantano al suolo?

Il film non dà risposte, estremizza dei contesti.
Il rischio può essere quello di aver indovinato la giusta prospettiva ed essere terribili profeti.

A distanza di anni, una ri-visione qui:

http://boxd.it/boWBV

3 commenti su “Suicide Club (Jisatsu Circle)

  1. Antonio
    09/10/2007

    Bella recensione. Veramente ottima

    Mi piace

  2. gaetano fasulo
    23/10/2007

    Un film molto dolce che riflette un modo di fantasticare molto infantile; basti guardare i contenuti delle favole con un occhiore alistico… o magari ricordare che da bambini ci si divertiva a raccontare storie allucinenti e a fantasie che nulla hanno da invidiare alle scene più violente di Suicide Club….

    Mi piace

  3. edoardoromanella
    28/11/2014

    Ottima recensione, se ti piace Lynch passa a trovarmi sul mio blog, ho scritto recensioni e spiegazioni di 4 suoi film

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16/05/2005 da in Cinema, Flussi di incoscienza, recensione con tag , , , , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: