+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

[About] Ghost in the shell 2

rendercmsfieldjsp.jpgIn questi giorni, pur trattandolo come se fosse uno scarto estivo, la distribuzione cinematografica ci offre la possibilità di vedere al cinema un capolavoro di Mamoru Oshii, il seguito di “Ghost in the shell”, un capitolo fondamentale nella storia degli anime.

Sopportando il nuovo sottotitolo (“L’attacco dei cyborg”) al posto del piu’ filosofico “Innocence”, non ho potuto che apprezzare ancora di piu’ quest’opera, gioia per gli occhi e cibo speziato per la mente.

Scene notevoli, se non da antologia:

– lo sviluppo e la nascita del cyborg;

[Rappresentata abbattendo le differenze tra uomo e robot (concetto base di GITS2), la sequenza ripercorre con precisione magistrale gli stadi dello sviluppo embriologico umano, dalla prime divisioni cellulari (si vedono morula, blastula, gastrula) fino allo formazione del tubo neurale ed infine degli arti; l’evento è letteralmente immerso in un’atmosfera amniotica e lirica, grazie alla musica corale ed alle luci candide ed abbaglianti che si riflettono sulle superfici metalliche]

– la sequenza, che cita ovviamente Blade Runner, dell’atterraggio in città, dopo che i protagonisti hanno sorvolato immense cattedrali e quella successiva del carnevale, un tripudio di colori e di fantasmagorici dragoni;

– la scena nella villa in cui i protagonisti sono costretti a ripetere gli stessi gesti fino a che riescono a sfuggire all’infiltrazione dell’hacker nel sistema visivo, dopo aver corso il rischio di rimanere intrappolati nella rete e non distinguere piu’ realtà ed illusione (anche se in GITS2 anche questa differenza viene definitivamente demolita).

Punto negativo potrebbe apparire l’eccessiva verbosità di alcune scene, resa comunque necessaria dall’ambizione di realizzare un sincretismo, non solo visivo, tra tutte le teorie piu’ ardite sulla robotica moderna, intingendole nel nichilismo piu’ estremo (le vere vittime sono le ginoidi, che rese umane soffrirebbero degli stessi dolori esistenziali degli umani, condizione cui non ambiscono vivendo una sorta di felicità di stampo buddista; inoltre l’educazione di un bambino viene paragonata ad un progetto di programmazione artificiale).
La logorrea intellettualoide di alcune scene è pero’ impreziosita da giochi di parole che ricordano tanto, troppo, Shakespeare, in particolare Amleto, ma rendono i dialoghi (che citano Confucio, il positivismo, l’evoluzionismo, il concetto di uomo-macchina) assolutamente stimolanti.

C’è un dettaglio che forse ho notato io e pochi altri, tra cui qualche rabbino con la bava alla bocca per cadaveri di bambini Hezbollah, ma la scritta che animava il golem, anche secondo il sigillo del gesuita Kircher (uno dei piu’ importanti studiosi e realizzatori di sigilli e alberi sefirotici) è E-met o, per essere pignoli AE(dittongo)-met, non ae-maeth, come scritto sulle carte di fronte alla ginoide animata dallo spirito del Maggiore Motoko.
Inoltre nel film citano, parlando erroneamente di profezia, Jakob Green, che è colui che ha reso popolare la leggenda del Golem, che in realtà è di derivazione mittle-europea, poco condivide con l’ebraismo tradizionale, (v. “La kabbalah e il suo simbolismo”, G. Sholem), ed è piu’ antica, dato che risale al 1700, in seguito pre-datata al 1500.

Vi segnalo questo link esaustivo per gli interessati: http://www.scritturaimmanente.it/Praga/letteratura/golem.htm

2 commenti su “[About] Ghost in the shell 2

  1. Nexso
    13/01/2008

    Ciao, sono rimasto sbalordito da questo anime…Altissima qualità e storia molto complessa. Il problema è la base stessa dell’anime: l’intelligenza artificiale uguale a quella umana.
    Mi permetto di criticare tale affermazione poichè per un anno e mezzo ho frequentato la facoltà d’Informatica (Scienze matematiche fisiche e naturali) di Palermo. Lì, grazie ad una materia chiamata fondamenti d’informatica (atta ad evidenziare i grandi limiti dell’informatica) e in particolare al Teorema della Fermata (http://it.wikipedia.org/wiki/Problema_della_fermata) che dimostra come non possiamo e nè potremmo mai affermare se un programma funzioni o meno, ho capito come il pc sia in effetti molto stupido. Un esempio ancora più lampante si ha con la stanza cinese (http://it.wikipedia.org/wiki/Stanza_cinese) dove in sostanza si vuole far capire che alla fine il pc esegue operazioni senza capire minimamente il senso. Nulla contro l’anime. E’ bellissimo, ma credo troppo paranoico.
    Complimenti per il bolg.

    PS: Anch’io sono ateo (Agnostico per la precisione), lo sono diventanto anche grazie a questo sito: http://zeitgeistmovie.com/

    Mi piace

  2. Lenny Nero
    13/01/2008

    @Nexso:

    forse è bellissimo anche perchè troppo paranoico!

    Grazie mille dei preziosi commenti: della serie non si smette mai di imparare!

    Ora corro a leggermi i link…sperando di comprenderli!🙂

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/08/2006 da in Cinema, recensione, Religione con tag , , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: