+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

Love is a catastrophe

user1881_1159397300.jpgMi chiedo il senso.
Della catastrofe.
Picchietto l’ennesima sigaretta dentro il portacenere (io, che non ho mai fumato per principio quasi religioso!), mentre sono sdraiato a letto, al buio e mi chiedo il significato.
Delle parole.
Mi chiedo perchè dare amore non sia mai ricambiato, ma regalare teatrini d’amore per puro sesso, mentendo sapendo di mentire, sia sempre ripagato.
Ho cercato di costruire qualcosa di dolce nella mia vita, qualcosa che non fosse intriso dalle solite logiche ormonali, ed ho ottenuto l’incomprensione e altro dolore aggiuntivo, una sofferenza di cui non avevo ricordo da tempo: è stato come risentirsi aprire una vecchia cicatrice e lasciare uscire tutti i rimpianti di una vita.
Mi chiedo perché bei tipetti, scaltri e sorridenti, scatenino reazioni e desideri che io neanche lontanamente riesco a suscitare, forse illudendomi che la mia personalità, il rispetto e la disponibilità totale possano essere sufficienti a gettare le basi lentamente, ma in modo duraturo, per una relazione che abbia un senso.
Ma oggi nulla ce l’ha.

Non ha senso la mia sofferenza, aver sostituito il cibo con le sigarette tanto da vomitare, scrivere lettere disperate per chiedere in ginocchio pietà, sensibilità e comprensione, e senza farcirle signorilmente di rancore, intingere le parole in frasi affettuose.
Quanto è difficile relativizzare e razionalizzare quando l’altro, senza rendersene conto, sul tuo cuore ci è passato sopra con la delicatezza di un carroarmato di Tien-a-men.
In un’esistenza in cui tutto procede secondo i piani di un tempo, hai soddisfazioni intellettuali e lavorative e gli amici piu’ splendidi che tu possa desiderare, ti possono mancare solo la dolcezza, l’amore, il sentimento, lo star bene con una persona.
Da incredulo ho iniziato a crederci davvero. Ho iniziato a sperare nel tempo.
Perché io stavo bene, mi bastava un suo sorriso per sentirmi sereno.
A me. Solo a me.
E la situazione mi ha fottuto, ha fatto deragliare sentimenti e ragione e mi ritrovo con il buio nella mente.
Vederlo sorridere con un altro mi ha devastato, annichilito, rammaricato.
Non posso scoppiare a piangere a dirotto come un isterico in taxi come ho fatto l’altra notte.
Non posso continuare a piangere mentre il mio migliore amico cerca inutilmente di farmi ragionare.
Non mi posso permettere di stare così male per…un sentimento non ricambiato? Una causa persa?
Una persona che mi ha costretto ad umiliarmi per spiegare i miei sentimenti, per chiedere comprensione, per scongiurarlo di stare attento a non ferirmi, solo perché mi distrugge il pensiero di perderlo per sempre?
Ma è come se io procedessi su un binario parallelo al suo.
Il suo porta ad altre persone.
Ed io dal mio sto a guardare prima di entrare in una galleria buia.
Mi è già successo una volta, ne sono uscito a pezzi.
Una seconda non la reggo, ho già delle difficoltà enormi, ed ora corro ai ripari prima di un disastro definitivo.

Eppure non riesco ad odiare, a provare risentimento, anche se quel sorriso sul suo viso guardando l’altro è l’immagine piu’ CRUDELE che potesse lasciarmi come ricordo.

Si puo’ incolpare una persona per non amarti e preferirti persone che ritieni discutibili e che scatenano la sua passione, mentre tu per lui sei il solito, triste, confidente ed amico?

Perché se ci penso so che mi mancherà da morire.

“Già mi uccide il pensiero che non sono pensiero, in modo da permettermi di valicare le ampie distese di miglia quando sei lontano; mentre così come sono, un impasto di terra ed acqua, sono costretto ad attendere piangendo il comodo del tempo, null’altro ricevendo, da simili inerti sostanze, che il peso delle lacrime: il pegno dell’amore che mi lega a te.” (W.Shakespeare)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/09/2006 da in Flussi di incoscienza con tag .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: