+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

Haze

200px-haze_dvd_cover.jpgE’ stato pubblicato anche in Italia il dvd di “Haze“, uno degli ultimi lavori del mai troppo lodato Shinya Tsukamoto (Tetsuo, Bullet Ballet, Tokio Fist), apprezzatissimo pure qui da noi e forse l’unico dei registi giapponesi not-for-the-masses di cui possiamo reperire copia di quasi ogni suo film (all’appello manca ancora l’eccelso “Vital“).

Quando ciò accadrà anche per Takaski Miike i cieli si apriranno ed il Messia tornerà fra noi.

Data la succulenta possibilità per tutti e non solo per i fanatici dell’import, colgo l’occasione per cercare di suscitare il vostro interesse, in particolare se siete alla ricerca di qualcosa di estremamente originale, autoriale e terrorizzante.

Haze” è un mediometraggio di 50 minuti, non per questo meno soddisfacente del cult “Tetsuo” che ne durava giusto una decina in più (ma la visione equivale ad uno stupro per occhi e orecchie; una mezz’ora ulteriore e ci si sarebbe buttati in ginocchio implorando pietà).

Il tema dell’amore, nonostante l’incipit che fa presagire solo drammi, è nuovamente affrontato da Tsukamoto, ma se “Vital” era romantico, questo è un sarcastico pugno nello stomaco sferrato senza pietà.

Immaginate che un uomo si risvegli, ferito, dentro un labirintico condotto per l’aria.

L’ambiente è quasi completamente al buio, con sprazzi di luce dovuti solo a delle allucinazioni o ad aperture su discariche di membra umane dagli inquietanti retroscena.

Corpi mutilati, arti sparsi, l’incontro con una misteriosa ragazza sanguinante grazie al cui aiuto cercare una via di salvezza, in una situazione di totale disperazione e incomprensione della realtà.

Ritorna il metallo, ritornano gli stridori industrial.

In una scena che farà inorridire la maggior parte del pubblico, il protagonista rimarrà con un tubo incastrato fra i denti e per passare oltre dovrà farceli scorrere sopra.shinya_tsukamoto_haze.jpg

Il film, inoltre, potrà spiazzare molti col suo finale, strutturato in rapidi flashforward sul destino dei protagonisti, in una sorta di estasi conciliatoria finale.

A leggere i commenti su Imdb.com si deduce che chi l’ha visto spesso non ha colto né lo spirito del film né il significato metaforico.

Eppure è tutto chiaro ed esplicito; semplicemente il regista ha ripiegato su una costruzione meramente visiva, non verbale, ma ellittica, per raccontare l’epilogo.

Una scelta, quella della narrazione visiva, già attuata in “Vital”, in cui le parole sarebbero state inefficaci a esprimere pensieri e sentimenti tanto profondi, quanto indescrivibili.

Se cercate un film cupo, teso e con momenti anche inguardabili , “Haze” potrebbe essere una scelta ottimale, eccetto nel caso in cui soffriate di claustrofobia.

E’ un’opera per certi versi minimalista, tutto girata in digitale ad alta definizione, ma con il consueto stile; è un’ulteriore passo nella ricerca di una visione più geometrica, asciutta, meno barocca ed eccessiva, ma non per questo meno frenetica e scioccante.

In un film di Tsukamoto non ritroverete mai quel brutto sapore amatoriale di molti film low-cost.

Non è forse al livello di un altro film low-budget in digitale come lo splendido Marebito di Takashi Shimizu (che si fonda su riferimenti letterari, che partono da Poe per arrivare alla Blavatskj, notevoli ed inusuali nell’horror nipponico), ma vista la bravura di Tsukamoto non rimarrete sicuramente delusi.

E gli aficionados aggiungeranno un’altra perla alla loro collezione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/01/2008 da in Flussi di incoscienza.

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: