+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

Lucifero non esiste. Eppur si muove. [Sapientia vs fides]

satanvsjesus.jpgLa presenza di Herr Ratzinger alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico all’Università alla Sapienza ha provocato una reazione forte, inaspettata, seppur logica, all’interno del corpo docente (guidato nella protesta da docenti di Fisica, la cosiddetta “teologia sperimentale” della trilogia “Queste oscure materie” di Pullman) e da un cospicuo gruppo di studenti.

Si è creato un vero terremoto.

Veltroni, già pronto a seguire la messa dopo la lectio magistralis di J.R., ora è in imbarazzo dato che in segno di distensione il pastore tedesco avrebbe rinunciato alla lezione, mentre una parte dei studenti vuole organizzare un sonico rave di frastornante disturbo e la parte teodem del PD (gli infiltrati dell’Opus Dei, of course) organizza veglie di preghiera, come neanche gli antiabortisti dello Iowa, che tra una raccolta di pannocchie ed un rosario sparano a qualche medico.

Poor Walter, che ora sicuramente rimpiange di aver rinnegato cio’ che affermo’ durante un’intervista con Fabio Fazio: mi ritirero’ dalla politica (e baldanzoso e fiero aggiunse: Ne parleremo tra cinque anni, vedremo tra cinque anni se sarà vero o no!”. Stendiamo una sindone pietosa).

Cio’ che mi commuove, da ricercatore, è risentire spirare nel mondo scientifico un’aria che ormai non si percepiva piu’ dai tempi di Giordano Bruno.

L’idea di questo post mi è venuta dopo una discussione sul fatto che il cristianesimo si fonda su un cumulo di menzogne, di cui la piu’ grande è l’invenzione del diavolo, un monstruum creato solo per demonizzare i nemici, ma che non trova neanche un reale fondamento biblico.

Ebbene sì: Lucifero non è mai esistito, finchè Galileo non pose le basi per il metodo sperimentale.

E’ da allora che si conduce la battaglia piu’ importante di tutte.

E forse qualcosa di positivamente luciferico ed emozionante si è mosso, sbattendo in faccia alla chiesa cattolica i mostri che essa stessa ha generato.

Al giorno d’oggi il mondo scientifico, in particolare quello della medicina, persino quello della genetica, si è quasi del tutto svenduto al mondo cattolico.

Sorti centri imponenti in ogni dove con i finanziamenti dei pellegrini (v. San Giovanni Rotondo) ed istituti che contengono al loro interno ogni possibile orpello religioso e chiese interne (v. l’IDI di Roma), l’oscurantismo si è infiltrato ovunque, corrompendo eminenti scienziati.

Non è raro ritrovarsi stupiti di fronte a scienziati che sostengono (almeno ufficialmente) di pregare ed andare a messa, a genetisti che polemizzano contro la legge 40 o l’interruzione di gravidanze e a ginecologi obiettori di coscienza (tranne che nelle loro cliniche private).

Per non parlare del nugolo di psichiatri che, in spregio a decenni di progressi nel loro campo, prima o poi riproporranno anche l’elettroshock per gli omosessuali.

Un vero e proprio ritorno, ancora timido, ma costante, al controllo della scienza da parte del magistero; pensate solo alla composizione delle commissioni di bioetica, materia completamente in mano a prelati ed affini.

Ciò che è avvenuto in questi giorni è il sintomo di un crack che sta scuotendo il mondo scientifico, perchè il dogmatismo è nemico naturale della scienza.

La scienza non esclude necessariamente dio, ma lo considera ipotesi (spesso dimostrata in modo comico e stravagante, come nel caso dei creazionisti), ma finchè gli investigatori di CSI non rileveranno tracce del suo seme divino in un paio di mutande abbandonate in qualche galassia lontana lontana, dio non potrà aspirare al ruolo di verità scientifica.

Inoltre molto ci sarebbe da scrivere sui dogmi scientifici.

Il dogma centrale afferma che il passaggio DNA>RNA>proteine è irreversibile.

Successivamente si scoprì la trascrittasi inversa e qualcuno tolse dalla propria porta il cartello con lo slogan DNA is GOD.

Figuriamoci, quindi, perchè mai la scienza, di fronte a cantonate clamorose od affrettate, si sia sempre mossa cautamente nei confronti dell’idea di dio o della maggior parte delle cosmologie religiose (demolite a badilate dall’astronomia moderna).

Tuttavia il punto dello scontro è quasi atavico e risale a molto tempo addietro.

Lo spirito del ricercatore si fonda sull’analisi critica dei fatti, sulla ripetibilità degli esperimenti, sull’applicazione della logica fino alla formulazione di regole matematiche che possano descrivere la natura.

In una parola, il ricercatore “esamina”, descrive, osserva.

Con una metafora banale, lo studioso illumina, porta (al)la luce, è etimologicamente lucifero.

Eppure sapete chi era Lucifero?

L’angelo caduto miltoniano?

No, ma è uno degli esempi piu’ clamorosi del castello di menzogne inventate dai padri della Chiesa per corroborare le fondamenta del loro instrumentum regni, per instaurare un regime di terrore e maccartismo ante-litteram.

E ciò che uno studioso non accetta è la menzogna che si scontra con le evidenze.

L’invenzione, sicuramente dolosa, di Lucifero rientra in una logica che incredibilmente la Chiesa perpetra tutt’ora: vedono nemici della cristianità in ogni frangia di libero pensiero, invocano termini come censura (per la serie: come vomitare dal ridere),  terrorismo, eppure, nel più totale disprezzo del Concordato, di ogni buon senso, di ogni forma di rispetto per le persone, non lesinano fendenti e insulti per categorie di cittadini a loro invisi, rendendo impossibile ogni dialogo su un possibile equilibro tra chiesa e stato.

Per questo, chiunque abbia a cuore la laicità dello stato, ma prima di tutto uno scienziato, DEVE ribellarsi a dogmi privi di fondamento.

Tuttavia dovrebbero ribellarsi pure i cristiani, perchè un conto è avere fede, un conto è essere ciechi.

Se i cristiani leggessero la Bibbia, forse non perderebbero fiducia nel loro idolo, ma nel potere temporale della Chiesa sì.

Devono capire che Lucifero, il nemico della chiesa circondato da chissà quanti accoliti, non esiste.

Lucifero è solo una metafora dell’estrema rivolta, del libero arbitrio, ben diverso dal mentitore Satana, che invece condivide piu’ di una caratteristica col papato.

Se il cristiano medio si degnasse di leggere la Bibbia scoprirebbe che Lucifero era solo il re di Babilonia (Isaia -14,12), ma la patristica adottò già secoli prima la moderna politica di Bush: inventarsi un nemico per stabilire un nuovo ordine mondiale.

Isaia raffronta la figura del re di Babilonia, detto appunto “Portatore di luce”, a quella di Satana.

Persino per i manichei le figure di Satana e Lucifero non corrispondono; persino per gli antroposofi Satana-Arimane e Lucifero sono due entità separate e con finalità differenti, quasi opposte; persino nella Bibbia (Libro di Giobbe) Satana è un collaboratore di Dio impiegato in crudeli test di fede.

Piegato il loro stesso testo sacro alle loro esigenze politiche, travisata addirittura la parola del loro padreterno, inventatisi un mostro da sconfiggere di cui descrissero anche le fattezze e gli scopi, hanno impiantato tra i nostri memi quello del demonio, cioè tutto ciò che si ribella al volere di dio, e quindi della chiesa, che ne è la rappresentante in terra (autonominatasi, ovviamente).

E’ semplice, efficace, geniale, machiavellico, ma soprattutto è stato culturalmente devastante ed incredibilmente lo scontro perdura tutt’ora, praticamente negli stessi termini: Dio contro i ribelli da ricacciare all’inferno.

Quando sentirete certi strali isterici da parte del Vaticano e dei vostri conoscenti cattolici, quando vi verrà il ripetuto il mantra propagandistico a proposito degli oscuri nemici di Cristo, ricordate loro quel semplice passaggio di Isaia; fate notare che il diavolo non è mai esistito e che Satana è un tentatore al servizio di Dio; ma soprattutto rimarcate il fatto che è ignobile ed inammissibile che i prelati, fautori di menzogne da secoli, abbiano il diritto di accesso in un luogo di conoscenza e studio.

E’ un insulto alla nostra intelligenza.

Bisognerebbe simbolicamente morsicare tutti insieme una mela e poi sputarne il torsolo in faccia a Herr Ratzinger, come a dire: io vedo.

O forse basterebbe seppellirlo sotto una tonnellata di Bibbie, perchè quello che lui predica è solo una sovrastruttura inventata per dominare e controllare le nostre menti.

Di fronte al tentativo di ostacolare il libero pensiero, uno scienziato non puo’ che alzare le barricate.

Ciò che si sta verificando presso l’Università La Sapienza, proprio a Roma, è un potente faro puntato in faccia al vero mentitore.

UPDATE 15/01/08:

“Non escludo che tra gli studenti ci siano gruppi satanici!”

10 commenti su “Lucifero non esiste. Eppur si muove. [Sapientia vs fides]

  1. Metatron
    14/01/2008

    Che dire…
    Sono qui, pronto a combattere!

    Sono pronto con tutta la razionalità che i teisti mi hanno permesso di sviluppare per schiacciare le loro affermazioni contorte.

    Sono qui con la teoria dell’evoluzione sotto braccio, pronto a fare fuoco ad ogni affermazione spiritualistica.

    Sono qui con il mio cervello – uniamoci perché questa è una guerra delle idee da non sottovalutare.

    “Dio non sarebbe altro che un vertebrato gassoso”
    Ernst Haeckel

    Metatron – quello ateo!

    Mi piace

  2. tristanozero
    15/01/2008

    grande Lenny! meno male che i docenti della Sapienza hanno compiuto questo gesto, è sintomatico del fatto che nn tutto è perduto. speriamo che qualcun altro apra questi fottuti occhi chiusi da 2000 anni…

    Mi piace

  3. Lenny Nero
    15/01/2008

    @tristanozero:

    confesso che sono rimasto stupito pure io della reazione dei docenti!
    E’ uno smacco incredibile.
    Ormai gli hanno decisamente rovinato la festa.
    Pensava di arrivare come rockstar e pisciare sul territorio universitario, e invece ne uscirà come uno che si è già vesito per Carnevale.

    Mi piace

  4. Mama
    16/01/2008

    Mama Mamma io sono la mia mamma di tutti i miei pensieri
    di mamma e senza matra.

    Mi piace

  5. luigi vitale
    17/05/2008

    spero che qualcosa ci perdoni

    Mi piace

  6. Lenny Nero
    26/05/2008

    @Luigi:

    io spero sempre che qualcosa ci spazzi tutti via rivelandoci che nessuna delle nostre verità era tale.

    Mi piace

  7. Pietro
    29/10/2008

    Siete davvero degli ignoranti che si fermano alle apparenze delle cose senza studiare a fondo le Scienze. Il problema siete voi che pensate di sapere mentre in realtà siete sottomessi al “sistema” che vi vuole tutti allineati e sciocchi senza comprendere quanto la natura, il creato sia pieni della presenza di Dio. Eppure mai come oggi la vera Scienza, quella del rigore non quella dei baroni e degli asini in cattedra, sta scoprendo nuove frontiere e rivoluzionari meccanismi bio-chimici che non fanno altro che gridare contro Darwin (che tra le altre cose non è da considerarsi nemmeno teoria perchè basata su supposizioni da casalinga e non sul metodo scientifico, infatti nella pseudio-teoria di Darwin non si trova una sola equazione matematica…) e contro gli atei. Per non parlare delle nuove frontiere della Elettrodinamica Quantistica dove tutto iniziando dalle particelle sub-atomiche sembrano obbedire e pre-ordinarsi al libero arbitrio dell’Uomo per permettergli di scegliere davanti a sè il Bene o il Male.

    Sapevate che la frase “Eppur si muove” non fu mai pronunciata da Galileo Galilei ? Credo di no.

    Saluti a tutti i superficiali della Scienza e della Filosofia.

    Mi piace

  8. Lenny Nero
    29/10/2008

    @Pietro:

    così come Galileo non pronunciò mai quella frase, così non esistono prove storiche dell’esistenza di Gesù, e quelle poche che forse si riferiscono a lui lo descrivono come un facinoroso.
    Peggio ancora va per la questione esistenza di Dio.
    Quando i credenti mi porteranno ad un aperitivo con Dio, sarà disposto a parlare con loro.
    Finchè parleranno di intelligent design senza aver dimostrato la sua esistenza, il loro risulterà in eterno un blablabla fanatico e rivoltante.
    La scienza ammette i propri errori e si evolve, i credenti sanno solo porre dogmi.
    Dio esiste?
    Certo, per quel che mi riguarda accanto a qualsiasi altra possibile divinità, dai folletti dei boschi alle banshees ad Odino a Trent Reznor.
    E’ inutile che vi arrampichiate sugli specchi, tutto si riconduce a quel nodo gordiano fondamentale: l’esistenza di Dio.
    Qualsiasi cosa diciate è solo un pour parler senza fondamento.

    Mi piace

  9. Code
    23/02/2009

    Di solito arrivati ad un punto la ragione indica un altra via che rimane pur sempre all’interno di se stessi.. Ma non è accessibile a coloro che sono accecati dalla superbia e la presunzione di conoscere per mezzo della ragione lo scibile! Dell’immensità puoi averne conoscienza solo ad occhi chiusi..

    ( E io non sopporto i cristiani)

    Mi piace

  10. Lenny Nero
    24/02/2009

    @Code:

    assolutamente sì.
    In particolare durante un orgasmo orale.
    🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/01/2008 da in Flussi di incoscienza, Religione con tag , , , , , , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: