+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

Saint Obama

oh.png

Dato che la campagna elettorale italiana mi annoia e Uòlter ruba pure gli slogan al Martin Luther King denoantri, con colpevole ritardo ho cercato di documentarmi sul successo inaspettato dell’originale Obama Hussein (tranquilli, nessuna parentela).

Non so se sia vero che piuttosto che vedere una donna presidente degli USA gli Americani son disposti a votare un nigga, so solo che così come non ho mai stimato MLK, con tutti i suoi discorsi sul ritorno del regno di Cristo, tanto meno stimo uno strano incrocio genetico-culturale, risultato dell’accoppiamento di un kenyota musulmano diventato ateo ed una madre hawaiiana di famiglia battista e metodista (ma non praticante), convertitosi alla fede cristiana come da lui dichiarato con toni degni di Lauryn Hill.

Riporto da Wikipedia:

“Obama scrive che le sue convinzioni religiose nacquero intorno ai vent’anni, quando collaborava con alcune chiese locali, organizzando la comunità. Fu qui che capì “il potere della tradizione religiosa afro-americana nello spronare cambiamenti sociali”; « Fu a causa di queste nuove comprensioni, cioè che l’impegno religioso non richiedeva di sospendere il pensiero critico, di smettere di lottare per la giustizia economica o sociale, o di ritirarmi da quel mondo che conoscevo e amavo, che fui finalmente capace di camminare nella navata della Trinity United Church of Christ ed essere battezzato. Fu una scelta consapevole, non una rivelazione; le domande che mi ponevo non sparirono di colpo. Ma inginocchiandomi sotto la croce nel South Side di Chicago, sentii lo spirito di Dio che mi attraeva. Mi piegai alla Sua volontà, e mi dedicai a scoprire la Sua verità.»” (Obama (2006), pp. 207–208. Tratto da: Obama, Barack. “My Spiritual Journey)

aod.jpgChissà se è sempre Dio che gli ha ispirato di votare per la riconferma di Condoleeza Rice come Segretaria di Stato.

Solo perchè di colore non significa che non sia una delle peggiori fucking bitches mai apparse sulla faccia della Terra.

Ricordo che il mio amico afroamericano Dirk, di Santa Barbara, definì l’orrida petrol-woman “la vergogna di noi neri”.

Sarebbe meglio che Obama prendesse esempio dal padre musulmano.

Poi civilizzatosi e diventato ateo.

Esempio pratico di salto evolutivo.

Ed infine, chissenefrega delle convinzioni religiose dei politici: ce le devono sempre imporre e sbattere in faccia, a modello di vita?

Devono amministare il paese o le nostre anime (mutande comprese)?

Prima fissatemi un appuntamento con Dio, o chi per esso, e nel caso ne ridiscutiamo.

3 commenti su “Saint Obama

  1. Niccolò
    27/02/2008

    Non sono troppo informato, ma di sicuro preferisco Obama alla Clinton. Perche’ 1) Obama non viene dai soliti ambienti e dai soliti circoli di potere, 2) suppongo che la Clinton segua la stessa politica del marito, quella fatta di micidiali speculazioni finanziare che portano conseguenze gravissime di cui si pagano le cnseguenze per gli anni a venire. Comunque, al solito, noi si puo’ solo imparare, ne avesismo la volonta’.

    Mi piace

  2. Lenny Nero
    27/02/2008

    @Niccolò:

    se ci hai fatto caso, non mi sono schierato nemmeno a favore di Hillary Clinton.
    Se Hillary mi fece impressione positivamente quando fu la prima voce importante contro il sistema sanitario privato, dall’altra mi deluse fortemente quando venni a sapere che un cospicuo finanziamento l’aveva riportata a piu’ miti consigli.
    D’altra parte Obama non si è mai schierato apertamente contro la guerra, finchè non ha deciso con queste elezioni di presentarsi come bianca colomba della pace.
    Bè, non proprio bianca, ma ci siamo capiti.
    Non sono così addentro alla politica americana da cogliere sfumature che proprio non colgo.
    Noto pero’ che gli atteggiamenti da populista messianico Obama li possiede proprio tutti.
    Certo, mi potresti anche replicare che ANYWAY il confronto con i nostri politici nostrani è comunque impietoso.
    Mi spiace solo non avere neppure per gli USA un candidato per cui tifare.
    Da domani provero’ con la campagna elettorale di qualche stato sotto regime militare: almeno vado sul sicuro nello stabilire chi davvero fa “opposizione”.
    In genere è quello che finisce ammazzato as soon as possible.

    Mi piace

  3. Niccolò
    27/02/2008

    Calma calma, non ti attribuisco cose non dette! 🙂 Obama ha gli atteggiamenti populisti e messianici, vero – del resto fa parte del suo lavoro!
    Ma l’unico candidato risolutamente contro la guerra e risolutamente volto ad un cambiamento radicale degli assetti e’ il settantenne repubblicano Ron Paul, il piu’ oscurato dai media, quello che difficilmente la spuntera’. La guerra continuerà chiunque vinca le elezioni, cambierà il modo di gestirla/presentarla, mi sa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/02/2008 da in Flussi di incoscienza, Religione con tag , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: