+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

Il vangelo secondo Gesù Cristo

Non ha bisogno di essere divorato da me colui che si sbranerà da solo

Nel 1991 Josè Saramago, premio Nobel per la letteratura 1998, redasse un testo giudicato talmente blasfemo da scatenare fiumi di polemiche sui giornali e dichiarazioni degne dell’anno mille.

Non avrei mai creduto che una rilettura personale della vita di Cristo, spesso oltre la reinvenzione dei vangeli, potesse emozionarmi e indurmi ad entrare in un’empatia profonda con Gesù.

Il Gesù di Saramago è quanto di piu’ lontano si possa immaginare dall’immagine divina che hanno costruito e imposto.

Nato “sporco del sangue di sua madre, vischioso delle sue mucosità e soffrendo in silenzio“, è una figura dolente, un vero e proprio agnello sacrificale scelto a caso da un dio machiavellico che lo ingannerà e a cui cercherà con tutte le forze di opporsi per sventarne i progetti di dominio sul mondo.Esordendo con una minuziosa ed estatica descrizione di una classica crocefissione pittorica (sette pagine di una bellezza inaudita) Saramago procede in una decostruzione sistematica del dio-Gesù riconducendolo ad una dimensione umana, viscerale, sofferta ed in ultimo disperata.

Tenendo fermi alcuni dei nodi principali del racconto evangelico, l’autore reinventa interi episodi, ne aggiunge altri, elimina eventi miracolosi per scriverne di nuovi, in un gioco quasi sadico di scrittura che a volte esplicita le sue meccaniche, come a dimostrare quanto sia facile (ri)scrivere la storia di un messia divino e come sia facile distorcere fatti e parole a proprio uso e consumo.

Il controllo sulla parola, sul verbo oserei dire, è di una lucidità stupefacente, nonostante lo stile tipico di Saramago: tutto è costruito come un interminabile ed ansiogeno flusso di coscienza da parte di un anonimo evangelista, e dialoghi e parti di prosa si intersecano in una punteggiatura fluida ed anarchica che costringe a leggere il libro quasi tutto d’un fiato come capita solo con William Burroughs.

Gesù è un comunissimo mortale per il quale il destino è solo una pena capitale, guadagnata per caso e per capriccio divino, di cui è inconsapevole fino alla maggiore età.

Saramago racconta tutta la storia della famiglia di Gesù, di Maria e Giuseppe, della terribile colpa di quest’ultimo di non aver salvato tutti gli innocenti massacrati da Erode e della sua infame morte per crocefissione, dei loro figli, del giovane Gesù, ragazzo dotato di grande personalità ed innata sensibilità, di cui seguiremo la crescita caratterizzata dai tormenti per gli innocenti morti al suo posto, dalla voglia di indipendenza che lo porterà fin nelle braccia di colui che scopriremo essere il diavolo in persona, e al cui servizio come pastore lavorerà per anni, del suo incontro fatale con la prostituta Maddalena, che lo inizierà al sesso e all’amore (una relazione tanto passionale e fisica quanto affettuosa e devota) e del fatidico momento dell’apparizione di dio nel deserto che gli svelerà in parte i segreti della sua vita.

Profondamente religioso, come del resto qualsiasi ebreo dell’epoca, pur pieno di timore per la sua nomina a figlio divino, incantato dalla promessa di gloria e potere dopo la morte, di fronte alla sua capacità di compiere miracoli rendendo migliori le vite altrui, felice di un’esistenza semplice, ma completa, accanto alla Maddalena, spaventato dai suoi stessi poteri e dall’adorazione che via via cresce intorno alla sua persona, avrà l’ardire di confrontarsi con dio stesso al cospetto del suo gemello: ovviamente il demonio.

Dio gli spiegherà con fare arrogante, sprezzante e disumano i progetti per lui sconvolgendolo per sempre (progetti elaborati in disaccordo con Lucifero che vorrebbe prendere le distanze da tale follia sanguinaria ed accontentarsi di essere riammesso in Cielo, ma dio gli intima di diventare persino peggiore):

-[…]con quanta sofferenza e quanta morte si pagheranno le lotte che, nel tuo nome e nel mio, gli uomini che crederanno in noi scateneranno gli uni contro gli altri, Insisti nel volerlo sapere, Insisto, Ebbene, si edificherà l’assemblea di cui ti ho parlato, ma le sue fosse, per essere ben salde, dovranno essere scavate nella carne, e le sue fondamenta composte da un cemento di rinunce, lacrime, dolori, torture, di tutte le morti oggi immaginabili e di altre che solo nel futuro si conosceranno […]la terra si riempirà di urla di dolore, di grida e rantoli di agonia, il fumo degli arsi vivi offuscherà  il sole, il loro grasso sfrigolerà sulle braci, il puzzo sarà un tormento e tutto avverà per colpa mia, Non per colpa, ma per causa  tua, Padre allontana da me questo calice, Che tu lo beva è la condizione per il mio potere e la tua gloria, Non desidero questa gloria, Ma io voglio questo potere-

Di fronte all’impossibilità del rifiuto e distrutto dall’idea di essere la fonte della strage di centinaia di migliaia di persone (la morte degli innocenti è la sua ossessione e gli verranno sintetizzati diversi secoli di orrore) accetterà il suo ruolo di figlio di Dio diventando il Gesù che conosciamo, ma allo scadere del tempo escogiterà, con l’aiuto di Giuda Iscariota, un piano per affondare le ambizioni divine e morire come folle umano, re dei Giudei, ma non del mondo, confidando di poter proteggere così l’umanità da eventi atroci ed i suoi amici dal martirio (dio elenca uno per uno tutti i supplizi destinati ai suoi apostoli), ma comprenderà, ormai sulla croce, che l’ambizione divina è senza confini ed un colpo di scena teatrale del padreterno in persona, che suonerà come la più crudele delle beffe, lo umilierà definitivamente riportandolo a giocare il ruolo di pedina in un progetto che lo sovrasta, di mero pezzo di carne di cui il sangue dovrà scorrere e che verrà raccolto non nel Santo Graal, ma in una ciotola maledetta.

Uomini, perdonatelo, perchè non sa quello che ha fatto

[Altra citazione]

Un commento su “Il vangelo secondo Gesù Cristo

  1. chiarac
    22/04/2008

    Amen.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/04/2008 da in Flussi di incoscienza, Religione con tag , , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: