+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

Les proies (El rey de la montana)

Da qualche anno se si ha il piacere di vedere un bel thriller o un bel film horror bisogna rivolgere lo sguardo alla Spagna e alla Francia, e anche quando si tratta di produzioni a basso budget (ma ad alto senso registico) sorprese ed emozioni sono spesso garantite.

L’ennesimo esempio è rappresentato da “El rey de la montana”, ribattezzato in Francia con un titolo che significa“Le prede”: è un ambizioso survival con evidenti punti tematici in comune con “Ils / Them”, altro film francofono, e “Funny games”.

Il regista stesso, tal Gonzalo López-Gallego, ha dichiarato che per lui questo film rappresenta un passaggio dal sperimentale al commerciale, ma se non cerchiamo il capolavoro in questa sintetica ora e venti minuti di corsa contro la morte si otterrà una dose di adrenalina, suspense e misteri senza risposta di ottima fattura.

Quim (l’affascinante Leonardo Sbaraglia, visto in “Intacto”), durante un viaggio attraverso imponenti lande montagnose perde la strada; quando all’improvviso una raffica di spari di fucile colpiranno lui e la sua auto non potrà fare altro che fuggire, senza una direzione precisa e non sapendo chi siano i suoi assalitori.

Imbattutosi in Bea, un’altra vittima di questo incomprensibile gioco al massacro, si avventura nel bosco, ma le sorprese, tutte negative, non sono finite.

Senza un attimo di pausa, pur incentrato sulle vicende di una sola persona (assassini e vittime sono quasi comparse a corredo), il film avvince ed intriga per alcune situazioni inusuali.

Le ambientazioni non sono costituite da prevedibili caverne buie popolate di mostri, o cunicoli sotterranei al di sotto di case borghesi, ma anfratti rupestri pericolosi come trappole per animali (con tanto di plagio-citazione della scena della frattura di “The descent”), boscaglie fitte che ora proteggono dagli spari, ora disorientano, precipizi improvvisi e case apparentemente abbandonate.

Quim inoltre non è un eroe: superficiale, impacciato, come tutti i codardi penserà alla propria sopravvivenza voltando anche le spalle a chi lo ha aiutato.

Nessuno dei personaggi conquista le nostre simpatie, le loro azioni quando non prevedibili son prive di motivazioni reali, come nel caso degli assassini, e sembra di assistere alla metaforizzazione di una società in cui i rapporti si formano e disgregano alla velocità della luce, i guardiani sono dei completi idioti, ed ognuno si arrangia come gli è possibile.

E soprattutto l’omicidio è solo un gioco come un altro e le vittime un numero sul tabellone di gara.

Senza voler svelare il twist nel semifinale, siamo dalle parti di una versione meno villica e brutale di quello di “Them”, ma altrettanto raggelante, aggiornata ai tempi degli shooter e dei cellulari (scontata in tal senso la sequenza in soggettiva dalla canna del fucile).

Nulla di nuovo da un punto di vista morale e tematico, ma la regia di López-Gallego ci regala paesaggi che diventano immense gabbie, impietosi primi piani di disperazione ed il contrasto mirabile tra la bellezza della natura e la totale incomprensibilità e pochezza dell’animo umano.

Un commento su “Les proies (El rey de la montana)

  1. Berna
    10/10/2008

    Me lo segno. grazie

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/10/2008 da in Cinema, Flussi di incoscienza, recensione con tag , , , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: