+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

The innocents (Suspense)

“The innocents” (noto anche come “Suspense”) risale al 1961, un anno dopo “Psycho”, e a distanza di cinque decenni l’etichetta di classico può ritenersi meritata, costituendo un’esemplare lezione di cinema a tutti i livelli.

Tratto da un romanzo di Henry James (“Giro di vite”), sceneggiato da William Archibald (già autore di “Io confesso”) e Truman Capote, diretto da Jack Clayton (“Il grande Gatsby”) e interpretato da Deborah Kerr, il film è un paradigma di ottima trasposizione da un racconto, eccellente regia e perfetto casting (l’attrice protagonista la definì la sua migliore performance).

Miss Giddens, puritana e nevrotica, riceve l’incarico di accudire per l’estate i nipoti (Miles e Flora) di un odioso ed egoista zio.

I bambini si rivelano problematici, aggressivi, si comportano e parlano come due adulti e manifestano un’anomala propensione agli scherzi cattivi.

Insospettita e turbata in particolar modo dalle attenzioni precocemente erotiche e seduttive di Miles, Miss Giddens indaga sulla tragica vicenda della precedente governante e si convince che gli spiriti di due amanti lussuriosi e violenti abbiano posseduto Miles e Flora.

“The innocents” è una miscela di noir, thriller psicologico e horror vecchia maniera, fotografato in un ricercatissimo bianco e nero da Freddie Francis (“The elephant man”, “Dune”, “Il promontorio della paura”, tra i tanti).

L’atmosfera gotica è di per sé una dei protagonisti, corroborata da effetti sonori che contribuiscono a renderla ancora più surreale, minacciosa, a tratti espressionista.

Questa cornice formale inquadra i chiaroscuri psicologici di cui si tinge la trama.

Gli sceneggiatori, pur fedeli al testo originale, ne sottolineano i tratti più ambigui rendendo impossibile capire se si tratti di una storia di possessione o di follia.

Di conseguenza diviene centrale la figura di Miss Giddens: la sessualità repressa (l’attrazione verso lo zio), dopo aver appreso la storia di desiderio e morte avvenuta nella casa, diventa fonte di paranoia e fobia  e le ossessioni traslate sui comportamenti dei bambini, tanto da considerarli depravati in modo esasperato e spiegarli irrazionalmente.

Quella che si rifiuta è una realtà turpe e inaccettabile?

Coraggiosamente per l’epoca, il film sfiora il tema dell’impatto psicologico degli abusi sull’infanzia, di bambini che possono aver assistito, o partecipato, ad atti adulti che, da una parte, tendono ad imitare (fino alla scena sorprendente e conturbante del bacio rubato ed appassionato di Miles a Miss Giddens), dall’altra rimuovono, cadendo in preda ad isteria quando si tenta di farli riaffiorare nella loro memoria.

E Miss Giddens, preda di allucinazioni e improvvise apparizioni (la paranoia consente di vedere oltre o crea una realtà inesistente?), sceglierà di intraprendere una china pericolosa, spinta da una volontà di purificazione sensata solo ai suoi occhi e non a caso perpetrata senza scrupoli verso il polo maschile della coppia di bambini.

Il titolo “The innocents” focalizza meglio il tema dell’infanzia violata dalle passioni e dalle ossessioni degli adulti, di bambini tirati fra due estremi cui non sono preparati e trascinati, loro malgrado, in una dimensione psicotica che nessuno è in grado di gestire.

E quando Miss Giddens decide di mettere in atto una drammatica e coercitiva risoluzione, il timore dello spettatore è che questa possa diventare una lacerazione peggiore della malattia stessa.

Fantasmi reali o della mente da combattere, qualunque sia la loro natura, le vittime sacrificali sono già designate e la morte potrebbe essere l’unica via di fuga da un tormento mentale che ha alterato il contatto con se stessi e con gli altri.

Un commento su “The innocents (Suspense)

  1. 56413
    08/08/2011

    quando tornerai a parlare di libri???

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/08/2011 da in Cinema, Flussi di incoscienza, recensione con tag , , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: