+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

Intruders

Quando vengono riposte aspettative nel talento di un regista che fatica, purtroppo, ad emergere si è quasi felici che un suo passo falso scivoli velocemente nella cantina dei film trascurati quando il film in questione è oggettivamente trascurabile.

“Intruders” detiene solo una valenza critica nella carriera ancora stentata di Fresnadillo dato che ne conferma le indubbie doti visionarie e la capacità di creare atmosfere surreali ed inquietanti, ma al di là di questo dato il film, penalizzato da una sceneggiatura addirittura redatta a quattro mani che si barcamena tra le categorie del banale e dello stolido, riesce a offrire una manciata di sequenze suggestive soffocate da una trama prevedibile, a tratti imbarazzante, che non sfrutta nemmeno la possibilità di incastrare in modo ingannevole i diversi piani temporali di due storie apparentemente parallele.

A Madrid, un bambino di nome Juan è tormentato dalla presenza di un mostro senza volto che solo lui vede.

Tra esorcismi e un agguato notturno, Juan scriverà la sua storia su un foglio.

A Londra, Mia trascorre una giornata a casa dei nonni e scopre nascosto in un albero proprio il foglio di Juan.

Da quel momento la creatura che si supponeva essere solo una fantasia immaginaria, o frutto di follia o possessione, ricompare e l’unica persona in grado di vederla è il padre di Mia, John (Clive Owen), a cui la figlia è profondamente legata.

John installerà telecamere di sicurezza per identificare l’assalitore della figlia, ma le riprese mostreranno una realtà da interpretare.

Premesso che leggendo la sinossi e dando uno sguardo distratto al manifesto del film è facile dedurre quale sia il twist narrativo, con lo sforzo originale di descrivere una situazione di follia a due che si accetta come dato di fatto, ma che presuppone un legame psichico intenso e patologico, più suggerito che evidente, il film deraglia proprio quando dovrebbe crescere.

Dopo un prologo degno dei migliori incubi, “Intruders” non annoia, ma non regala mai vere sorprese e Fresnadillo si impegna a creare tensione o proiezioni mentali che non sfigurerebbero in un episodio video ludico di “Silent hill”, ma viene trasgredita una regola fondamentale: se la natura del mostro viene rivelata subito, e per di più non è neanche reale, il mostro cessa di incutere paura almeno che non rimanga qualche scampolo di mistero.

Inoltre l’eccessiva concentrazione sulla cornice visiva va a discapito della creazione di una reale empatia per i protagonisti e tra gli attori non sembra mai esserci vera alchimia o una direzione sicura, nonostante la professionalità di Clive Owen e Carice van Houten (nel ruolo della madre di Mia), tanto da far sembrare fuori tono e retorica una sequenza finale che ambirebbe a essere lirica e persino commovente.

A parte la relativa soddisfazione per la confezione elegante, e per la curiosità verso un nuovo film del regista di “Intacto” e “28 settimane dopo”, insorge il dubbio che Fresnadillo si stia lasciando trasformare da promettente cineautore ad artigiano degli studios e l’annuncio della sua nomina alla direzione del remake di “Highlander”, con Ryan Reynolds protagonista, sembra confermare l’ipotesi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/08/2012 da in Cinema, Flussi di incoscienza, recensione con tag , , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: