+LoveIsTheDevil+

Peace is for pussies

[Letterboxd] The house that Jack built

thtjb

Lars von Trier è un adolescente con un enorme talento e ho sempre amato il suo sbattersene le palle e m’ha sempre lasciato riflessioni di un certo livello, ma questa volta no.

Il testo: già ODIO i film didascalici e questo è orribilmente didascalico, con un livello di profondità di discorso sull’arte di una banalità e una superficialità disarmanti.

Scordatevi non dico i bergmanismi, ma neanche le lunghe digressioni recitate da Stellan Skarsgård in Nymphomaniac.
Se (primo livello) v’interessa un film che chiude il discorso su violenza, perversione e serial-killer E sullo spettatore di certi film esiste Headless. Non usa parole ma allegorie e davvero fa scappare la gente dalla sala. Se (secondo livello, da dolente pensatore) cercate una riflessione sulla pervasività della violenza nella società e sugli artisti falliti (ingegneri vs architetti), qui siamo in territori Smemoranda.

Detto questo, sparse ci sono immagini e idee BRILLANTI, l’ho evidenziato subito il talento di von Trier, saprebbe fare il cazzo vuole solo che s’è messo a pensare SE può fare il cazzo che vuole. È come quando Reznor ha smesso di drogarsi e ha iniziato a guardarsi l’ombelico.

Il regista ha messo le sue palle sul ceppo dei suoi critici (e delle sue critiche più ricorrenti, miopi e stereotipate sulle quali neanche torno perché definire misogino il miglior descrittore della misoginia interiorizzata è un punto su cui mi giro dall’altra parte da sempre) e se l’è tagliate da solo, in un ultimo atto di narcisistico pentimento.

In definitiva è un oggetto curioso e ameno da guardare, troppo spesso sfilacciato e tedioso, con riferimenti politici di grana grossa (la MAGA family) e della portata contenutistica della tesi di un ragazzino. Se fossi una persona seria, e soprattutto se meritasse dedicarci del tempo, proporrei un parallelo fra la sequenza in cui Lili Taylor, nel pur intellettualissimo, e consapevole di esserlo, The addiction, medita sui campi di concentramento e quella centrale in cui Jack/Lars prova a giustificare l’arte del marcio/del Male con argomentazioni trite a cui la sua coscienza impersonificata da Verge non riesce a replicare in modo convincente, come prevedibile in un dialogo fra ubriachi.

Concludo con un commento inevitabile: se davvero qualcuno è uscito perché sconvolto (ma da che cosa?) visto il tono da “io von Trier mi rifletto nel ragionier Filini dei serial-killer” (il film è una dichiarata non proprio divina commedia) e non perché annoiato, il disturbato non è von Trier.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 01/01/2019 da in Cinema, Letterboxd, recensione con tag , .

Cookies

Informativa breve

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Proseguendo con la navigazione si presta il consenso al loro utilizzo. Per un maggiore approfondimento: Privacy Policy

My Art Gallery

Follow +LoveIsTheDevil+ on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: